Sputnik 1

Poco più di 60 anni fa  una sfera metallica pressurizzata di alluminio di 58 cm di diametro, con quattro antenne lunghe due metri e mezzo e pesante circa 83 Kg (conteneva due trasmittenti, alcune batterie ed un termometro), venne lanciata nello spazio; era lo Sputnik 1, primo satellite artificiale in orbita intorno alla terra.

Scan10181
1958  Unione Sovietica, Cartolina postale dedicata a Sputnik 1
Scan10192

05.11.1957 URSS, Lancio dello Sputnik  

lancio Sputnik 1

1962 URSS, Intero postale dedicato al lancio di Sputnik 1

Scan10194

1967 Romania, 1959 Ungheria, 1959 Cecoslovacchia ( francobolli dedicati a Sputnik 1)

Il lancio dello Sputnik  segnò una tappa storica nella storia dell’esplorazione spaziale.

Scan10191

1956 Fdc Italia – Congresso astronautico internazionale di Roma

Scan10190

10.04.1961 Italia, 2° Congresso internazionale Ricerche Spaziali di Firenze

Il compagno di viaggio ( questo il significato nella lingua russa di Sputnik ), ma anche  satellite in astronomia, venne lanciato e messo in orbita a mezzo del razzo vettore R-7 Semyorka (un missile balistico intercontinentale alto 34 metri e a due stadi ) il 4 ottobre  1957, alle 22,28 ora di Mosca, dal cosmodromo sovietico di Baikonur ( odierno Kazakistan ). Radio Mosca ne dette notizia nella notte tra il  4 ed il 5 Ottobre.

Scan10182
1959 URSS, Intero postale viaggiato dedicato allo Sputnik 1, 2 e 3

Gli strumenti a bordo rimasero in funzione per 57 giorni; infine lo Sputnik  bruciò durante il rientro nell’atmosfera terrestre  il 4 gennaio 1958 dopo aver compiuto circa 1400 orbite e 70 milioni di km;  i primi Km  che in 60 anni  hanno portato l’uomo sulla Luna e a raggiungere le aree più lontane del nostro Sistema solare.

Scan10204
2007 Ucraina  – 1982 URSS – foglietti per il  50° e 25°anniversario del lancio dello Sputnik 1
Scan10183

12.04.1963 URSS, giornata cosmonautica ( serie di tre valori )

Tutto ciò ebbe una risultanza mediatica enorme sia in Unione Sovietica che nel resto del mondo e segnò la momentanea supremazia dell’URSS rispetto agli Stati Uniti d’America nella corsa per la conquista dello spazio.

Scan10206 OK
1964 URSS, foglietto: Conquista dello Spazio. Terra, Luna e satelliti ( in alto a sinistra lo Sputnik 1 )
Scan10189 OK

10.11.2007 Italia, souvenir scheet con targhetta meccanica dedicata al 50°anniversario del lancio dello Sputnik

Un mese dopo sarà sempre l’Unione Sovietica a lanciare nello spazio lo Sputnik 2; anche in questo caso il razzo che lo mise in orbita fu il Semyorka. Lo Sputnik rientrò nell’atmosfera della Terra vicino Mosca dopo un bel viaggio di162 giorni.

Scan10193
1957 URSS, Lancio dello Sputnik 2 ( serie di 4 valori )

Per la prima volta a bordo di esso c’era un essere vivente: la cagnolina Laika che morirà dopo poche ore di volo.

Scan10207
1959 Romania – 1982 Ungheria – Laika

Qualche tempo dopo, esattamente il 19 Agosto 1960, l’Unione Sovietica lanciò in orbita lo Sputnik 5 con a bordo i due cani Strelka e Belka. Dopo essere rientrato nell’atmosfera terrestre atterrò nelle vicinanze di Mosca con i due cani sani e salvi.

Scan10195
29.09.1960 URSS, serie di due francobolli per il lancio della seconda nave spaziale Sputnik 5 ( con i due cani Strelka e Belka )

Il 12 aprile 1961 fu la volta storica del primo uomo nello spazio, Jurij Gagarin lanciato all’interno della Vostok 1. La sua impresa ebbe risonanza mondiale suscitando grande ammirazione e stupore.

Scan10209

1964 Cecoslovacchia, busta viaggiata da Valtice,distretto di Breclav, (Cecoslovacchia ) ad Hannover (Germania )  con francobolli di  Jurij Gagarin.

Scan10202

13.04.1961 URSS, serie di 4 valori: In onore del primo cosmonauta J.A.Gagarin

Scan10208

1961 Cecoslovacchia, busta viaggiata da Rajecke Teplice (Cecoslovacchia ) a Mannheim sul Reno (Germania )  con francobolli di  Jurij Gagarin ed annullo dedicato.

la supremazia sovietica nella corsa per la conquista dello spazio era evidente a tutti.

Scan10184

1962 Repubblica Democratica Tedesca, foglietto dedicato alla Conquista dello Spazio

Tutto questo spinse gli americani ad accelerare il proprio programma spaziale anche se nessuno di loro poteva immaginare che non più tardi di 12 anni dopo avrebbe assistito ad un fatto incredibile ed ancora più spettacolare: la Missione Apollo 11 con a bordo gli astronauti Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins e la relativa prima passeggiata dell’uomo sul suolo lunare.

Scan10212

1969 Stati Uniti d’America, la Conquista della Luna ( 1 valore )

Scan10210

1970 Fujeira, francobollo dedicato alla conquista della Luna

 

P.S. Nella chiesa Gotica-Barocca di San Lorenzo in San Pietro a Montalcino (Siena) ci sono tre opere di Luca Salimbeni; una di esse, quella sopra l’altare di destra ( Esaltazione dell’Eucarestia ) suscita stupore ed incredulità: l’oggetto che compare tra Dio, Gesù e lo Spirito Santo sembrerebbe assomigliare – ad una prima non approfondita disamina –  allo Sputnik 1.

Esaltazione dell'Eucaristia di Ventura Salimbeni

Esaltazione dell’Eucaristia ( 1600 )di Ventura Salimbeni ( chiesa di San Lorenzo in San Pietro a Montalcino (Siena)     

Spesso molti ufologi e siti che trattano di oggetti volanti non identificati hanno sostenuto che si era in presenza di un oggetto misterioso tipo un Ufo o  comunque qualche cosa di molto vicino ai satelliti artificiali russi; tesi che appare non credibile.

Sembrerebbe invece, come molti esperti in materia hanno scritto, un antico mappamondo – peraltro presente in moltissimi dipinti che hanno per oggetto ” La Trinità”, che simboleggia il ” Globo del Creato ” o ” Sfera Celeste ” e nel caso specifico del dipinto del Salimbeni a Montalcino esso contiene la raffigurazione del Sole e della Luna.

Alla prossima e statemi bene!!

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...